Salta al contenuto

Contenuto

Con l’ordinanza sindacale n.39 del 19 marzo 2024 sono state attuate le misure in materia di qualità dell’aria Pair 2030.

Nei periodi fino al 31 marzo e dal 1° ottobre al 31 marzo 2025 è previsto il divieto di circolazione, il divieto di circolazione dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, nelle aree dei centri abitati del Comunale di Finale Emilia (riprodotte in calce all’articolo) per le seguenti categorie di veicoli:

- veicoli alimentati a benzina EURO 0, EURO 1 ed EURO 2, non conformi alla direttiva 98/69/A CE e successive o alla direttiva 99/96/A CE e successive;

- veicoli alimentati a GPL/benzina o metano/benzina 0 ed EURO 1, non conformi alla direttiva 91/542/CEE St II e successive o alla direttiva 94/12/CE e successive;

- veicoli diesel EURO 0, EURO 1, EURO 2, EURO 3 ed EURO 4 non conformi alla direttiva 2005/55/CE B2 e successive o alla direttiva 99/96 fase III oppure Riga B2 o C e successive;

- ciclomotori e motocicli EURO 0, EURO 1 non conformi alla direttiva 97/24/CE Cap. 5 fase II e successive o alla direttiva 2002/51 fase A.

Sono esclusi dal divieto di circolazione i seguenti veicoli:

a) autoveicoli elettrici o ibridi dotati di motore elettrico;

b) autoveicoli con almeno tre persone a bordo se omologati per quattro o più posti a sedere o almeno due persone a bordo se omologati per due o tre posti a sedere (car-pooling);

c) autoveicoli immatricolati come autoveicoli per trasporti specifici e autoveicoli per uso speciale, come definiti dall’art. 54 del Nuovo Codice della Strada e dall'art. 203 del Regolamento di Esecuzione e Attuazione del Codice della Strada (vedi punto A. allegato n. 3 alla Relazione generale del PAIR 2030).

Altri veicoli ad uso speciale oggetto di deroga ai provvedimenti di limitazione della circolazione sono (vedi punto B. allegato n. 3 alla Relazione generale del PAIR 2030):

a) veicoli di emergenza e soccorso, compreso il soccorso stradale e la pubblica sicurezza, il servizio di controllo ambientale e igienico sanitario e veicoli attrezzati per il pronto intervento e la manutenzione di impianti elettrici, idraulici, termici, di sicurezza;

b) veicoli per trasporto persone immatricolati per trasporto pubblico (es. autobus di linea, scuolabus...);

c) veicoli a servizio di persone invalide provvisti del contrassegno di parcheggio per disabili ex D.P.R. 151/2012;

d) veicoli utilizzati per trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili per la cura di malattie gravi o per visite e trattamenti sanitari programmati o per donatori di sangue nella sola giornata del prelievo per il tempo strettamente necessario da/per la struttura adibita al prelievo, in grado di esibire la relativa certificazione medica e attestato di prenotazione della prestazione sanitaria, nonché per l'assistenza domiciliare di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili;

e) veicoli di paramedici e assistenti domiciliari in servizio di assistenza domiciliare con attestazione rilasciata dalla struttura pubblica o privata di appartenenza, veicoli di medici/veterinari in visita domiciliare urgente muniti di contrassegno rilasciato dal rispettivo ordine;

f) veicoli adibiti al trasporto di merci deperibili, farmaci e prodotti per uso medico (gas terapeutici eccetera);

g) veicoli di interesse storico e collezionistico di cui all’art. 60 del Nuovo Codice della Strada, iscritti in uno dei seguenti registri: ASI, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI, limitatamente alle manifestazioni organizzate;

h) veicoli diretti alla revisione purché muniti di documentazione che attesti la prenotazione;

i) veicoli di operatori economici che accedono o escono dai posteggi dei mercati settimanali o delle fiere autorizzate dall’Amministrazione comunale;

j) veicoli a servizio di persone soggiornanti presso le strutture di tipo alberghiero site nelle aree delimitate, esclusivamente per arrivare/partire dalla struttura medesima, dotati di prenotazione, oppure facendo pervenire al Corpo di Polizia Locale, nei dieci giorni successivi, apposita attestazione vistata dalla struttura ricettiva, ovvero copia della fattura in cui risultino intestatario e targa del veicolo rilasciata dalla suddetta struttura, a condizione che la stessa sia situata all’interno Comune;

k) autocarri di categoria N2 e N3 (autocarri aventi massa massima superiore a 3,5 tonnellate) limitatamente al transito dalla sede operativa dell'impresa titolare del mezzo alla viabilità esclusa dai divieti e viceversa;

Deroghe già previste dalla normativa nazionale e comunitaria per:

1) veicoli adibiti al servizio postale universale o in possesso di licenza/autorizzazione ministeriale di cui alla direttiva 97/67/CE come modificata dalla direttva 2002/39/CE (D.Lgs. 261/1999 e s.m.i.);

2) veicoli muniti di autorizzazione alla circolazione di prova ex art. 1 D.P.R. 474/2001.

Anche i veicoli che si sono dotati del servizio Move-In possono circolare sull’intero territorio dei comuni interessati dalle limitazioni alla circolazione previste dal Piano Aria Integrato Regionale – PAIR 2030, fino al limite massimo di chilometri che gli vengono attribuiti annualmente e con le modalità previste dall’ordinanza del sindaco di Finale Emilia n. 28 del 5 marzo 2024.

Il divieto alla circolazione è sospeso nei seguenti giorni di festività: 1° novembre, 8 dicembre, Natale, Santo Stefano, Capodanno, Epifania, Pasqua (31 marzo 2024).

Sino al 31 marzo 2024 e dal 1° ottobre al 31 dicembre 2024, inoltre sono vigenti:

- il divieto di utilizzare, nelle unità immobiliari comunque classificate (da E1 a E8), in presenza di impianto di riscaldamento alternativo, generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa aventi prestazioni energetiche ed emissive non in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “3 stelle” e focolari aperti o che possono funzionare aperti;

- il divieto di qualsiasi tipologia di combustione all'aperto a scopo intrattenimento, quali, ad esempio, falò tradizionali o fuochi d'artificio (ad eccezione dei barbecue). In deroga al divieto, sono consentiti due eventi, promossi o autorizzati dall’amministrazione comunale, nell'ambito di festeggiamenti tradizionali, nel caso in cui non siano state attivate le misure emergenziali o i provvedimenti di dichiarazione dello stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi e alle condizioni previste dall’articolo 10, comma 1, del Decreto-legge 13 giugno 2023, n. 69;

- il divieto di abbruciamento ai sensi dell’art. 182, comma 6 bis del D.Lgs. 152/2006 e dell’articolo 10 comma 1 del D.L. n. 69 del 13 giugno 2023 convertito con L. n. 103 del 10 agosto 2023, dei residui vegetali di cui all’articolo 185, comma 1, lettera f), del D. Lgs. n. 152/2006 incluse le stoppie e le paglie anche per le superfici investite a riso. Sono sempre fatte salve deroghe a seguito di prescrizioni emesse dall’Autorità fitosanitaria e nel rispetto delle modalità indicate dall’Ente di gestione dei siti della rete Natura 2000. A quest’ultimo divieto sono previste deroghe, fatto salvo che non siano state attivate le misure emergenziali per la qualità dell’aria, non sia stato dichiarato lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi, siano rispettate le modalità indicate al paragrafo 11.5.3.8 della Relazione generale del PAIR 2030 per l’abbruciamento in loco dei soli residui vegetali agricoli o forestali, in piccoli cumuli, non superiori a tre metri steri per ettaro al giorno, da parte del proprietario o del detentore del terreno e nel caso in cui l’area su cui si pratica l’abbruciamento non sia raggiungibile dalla “viabilità ordinaria”, come di seguito specificato:

a) per soli due giorni totali nei mesi di marzo ed ottobre di ciascun anno;

b) esclusivamente per le superfici investite a riso e a seguito di indicazioni emesse dall’Autorità fitosanitaria nei mesi di ottobre e marzo.

Durante la stagione termica 2023-24, in tutto il territorio comunale vige l’obbligo di mantenimento delle temperature fino a massimo 19° C nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative, associative o di culto, nelle attività commerciali; fino a massimo 17° C nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali.

Sono esclusi da queste indicazioni gli ospedali e le case di cura, le scuole ed i luoghi che ospitano attività sportive.

Sono da applicarsi in via strutturale, per tutto l’anno le seguenti misure:

- il divieto di installare nuovi generatori a biomassa legnosa per riscaldamento ad uso civile con classe di prestazione emissiva inferiore alla classe “5 stelle”;

- l’obbligo di utilizzare, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, pellet che, oltre a rispettare le condizioni previste dall’allegato X, Parte II, sezione 4, paragrafo 1, lett. d) alla parte V del D.Lgs. 152/2006, sia certificato conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2 da parte di un Organismo di certificazione accreditato. È stabilito altresì l’obbligo per gli utilizzatori di conservare la pertinente documentazione;

- l’obbligo di chiusura delle porte di accesso al pubblico da parte di esercizi commerciali e degli edifici con accesso al pubblico per evitare dispersioni termiche nelle fasi di riscaldamento e raffrescamento. Sono esclusi gli esercizi commerciali e gli edifici dota! di dispositivi alternativi alle porte di accesso per l’isolamento termico degli ambienti.

Nel periodo di entrata in vigore dell’ordinanza sindacale, l'adozione delle misure emergenziali, qualora il bollettino emesso da Arpae nei giorni di controllo (giornate di lunedì, mercoledì e venerdì) indichi la necessità di attivare le misure emergenziali nell'ambito della Provincia di Modena (a partire dalla giornata seguente all'emissione del bollettino di Arpae, fino al successivo giorno di controllo incluso), viene vietato l’utilizzo in tutto il territorio comunale, nelle unità immobiliari comunque classificate (da E1 a E8) in presenza di impianto di riscaldamento alternativo, di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa con prestazioni energetiche ed emissive non in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “4 stelle.

In tutto il territorio comunale, inoltre, è disposto il divieto di spandimento dei liquami zootecnici e di concessione delle deroghe a tale divieto previste dalla normativa regionale in materia di utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, fatte salve quelle per sopraggiunto limite di stoccaggio, verificato dall’autorità competente. Sono esclusi dal divieto di spandimento dei liquami zootecnici le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami, quelle con iniezione diretta al suolo e quelle specificate al paragrafo 11.1.3.7 della Relazione generale PAIR 2030.

Le sanzioni amministrative pecuniarie previste dall’Ordinanza sono applicate secondo i principi fissati in via generale dalla L. 689/1981 e dal Nuovo Codice della Strada.

Fatto salvo l’eventuale accertamento di reati, per i quali si procede ai sensi del vigente Codice di procedura penale, le sanzioni amministrative pecuniarie previste sono le seguenti:

  1. ai sensi dell’art. 7, c. 13bis del Nuovo Codice della Strada, la violazione delle limitazioni alla circolazione previste dalla presente Ordinanza è soggetta alla sanzione amministrativa pecuniaria da € 168,00 a € 679,00, salvo adeguamenti previsti ai sensi dell'art. 195 del medesimo e s.m.i. e, in caso di reiterazione della violazione nel biennio, alla sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 15 a 30 giorni;
  2. l'inosservanza di tutte le altre disposizioni previste dalla presente Ordinanza è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 a € 500,00 ex art.7bis del D.Lgs. 267/2000 - TUEL, con applicazione dell'art. 16 della L.689/1981.

Il versamento delle somme sopraindicate deve avvenire entro 60 giorni dalla contestazione o notificazione degli estremi della violazione; in caso di mancato versamento oltre il termine suddetto, la sanzione sarà maggiorata del 20% in sede di adozione dell’ordinanza di ingiunzione di pagamento.

Oltre a quanto previsto dalla presente Ordinanza in tema di sanzioni amministrative pecuniarie, nel caso di contraffazioni o alterazioni ai documenti indicati alla presente Ordinanza, l’agente accertatore procede al sequestro del documento redigendo apposito verbale al fine di consentire la redazione dei conseguenti atti di polizia giudiziaria.

Allegati

A cura di

Questa pagina è gestita da

Gestione servizi web

Viale della Rinascita, 6

41034 Finale Emilia

Ultimo aggiornamento: 21-03-2024, 13:03